Si tratta di un network di assistenza alle imprese, con problemi finanziari nel quale sono coinvolti vari soggetti.
La proposta è rivolta alle imprese, ai professionisti e anche agli studenti, come programma di
tirocinio, ma al tempo stesso è un’iniziativa che ha la mission di assistere e accompagnare le imprese, non da soli, ma insieme a soggetti che sono il perno di rapporti di collaborazione tra imprese e centri di servizio alle imprese.
Sono stati messi a fuoco una serie di problemi aperti e di bisogni da soddisfare: la consulenza finanziaria alle micro e alle piccole imprese, i rapporti con le banche, la trasformazione del confidi, i finanziamenti azionari, gli strumenti informatici, e altro ancora.
Le situazioni di cui si occupa fidofacile.it oggi sono più critiche rispetto a
qualche tempo fa. C’è una recessione in atto, che è difficile prevedere quanto durerà. Le
banche, da troppo tempo, sono più selettive nel concedere credito. Non è scontato che
un’impresa trovi la liquidità necessaria per sostenere l’attività e completare i progetti avviati. Le scelte produttive e commerciali devono essere analizzate anche per il loro
impatto finanziario.
Per rispondere alla crisi, si è pensato fosse utile un luogo dove l’imprenditore potesse
discutere apertamente, con persone esperte, dei problemi finanziari della sua azienda.
Fidofacile.it è appunto un luogo di ascolto delle persone che si trovano ad affrontare
criticità vecchie e nuove nella gestione delle loro aziende. Effettua, su base volontaria e parzialmente gratuita, un primo intervento di ricognizione dei problemi e delle possibili soluzioni. In seguito, l’impresa può decidere di avvalersi di un’assistenza continuativa fornita su base professionale da soggetti di sua fiducia, non necessariamente collegati con fidofacile.it. L’intervento ricognitivo punta ad un check up della situazione economica e finanziaria dell’azienda, basato sull’analisi degli ultimi bilanci, della situazione debitoria verso le banche e di altri elementi utili a inquadrare i problemi più rilevanti e urgenti. Si svolge attraverso vari incontri (due o tre) tra gli esponenti aziendali e gli esperti di fidofacile.it. L’impresa deve fornire i dati necessari all’analisi, reperibili di norma dagli ultimi tre bilanci d’esercizio e dalla situazione dettagliata dei debiti verso le banche. Possono servire approfondimenti specifici come un’analisi della struttura dei costi o preventivi di cassa. A tale scopo servono informazioni (bilanci analitici, scadenziari fatture) che possono essere estratte dai software gestionali e dai servizi di internet banking. L’impresa può richiedere alla filiale locale della Banca d’Italia, se lo ritiene, la propria situazione di Centrale Rischi, e farla valutare dallo staff di fidofacile.it. Alla fine l’impresa riceve un rapporto contenente una diagnosi della situazione e delle proposte di intervento. Fidofacile.it accompagna l’impresa nell’istruzione della pratica fino alla presentazione alle banche con la garanzia di Confidi per l’Impresa. Ne può nascere più di uno in una stessa città, ciascuno con un proprio bacino di imprese interessate.
Fidofacile.t si avvale della collaborazione di esperti in materia di finanza delle piccole e medie imprese: docenti universitari, personale di Confimpresa Euromed, sponsor, volontari, consulenti e operatori (ad esempio, ex direttori di banca).
E’ prevista anche la partecipazione di studenti, con adeguata formazione e supervisione, i quali hanno maturato esperienze per svolgere analisi tecnico‐finanziarie: riclassificazione dei bilanci, costruzione di preventivi di cassa a breve, impostazioni di piani finanziari a medio lungo termine.
Lo studente può dapprima collaborare all’intervento di fidofacile.it e, successivamente, svolgere un tirocinio presso l’impresa interessata o i suoi partner per seguire gli sviluppi del piano di riequilibrio suggerito.